Mutu

di Aldo Rapè
vincitore del Premio della Critica al Festival di Avignone Off 2012
con Aldo Rapè e Marco Carlino
regia Lauro Versari
coreografia Elena D’Aguanno e Sabrina D’Aguanno
una produzione Prima Quinta (Bari)

Saro e Salvuccio, u parrinu e u mafiusu. Una storia di due fratelli. Due vocazioni a confronto. Due uomini sotto lo sguardo dello stesso Dio. Insieme dopo tanti anni. Muti, tutti muti per anni, muti per fame e per necessità, ma un giorno la coscienza e il sangue cominciano ad urlare… mentre i Santini, sorridendo, stanno a guardare… Due vite diverse che adesso si scontrano all’interno di una gabbia metafora di un focolare domestico regolato da sentimenti e tradizioni centenarie. Sentimenti incomprensibili a chi è estraneo a quella realtà subita, invece, da chi è costretto ad accettare i compromessi necessari per badare alla propria sussistenza. Un mondo fatto di violenze e soprusi che nessuno racconta perché, come si dice in gergo, “non fa notizia”; un mondo assente anche dall’agenda delle politiche sociali. Una realtà indefinita scaturita da un matrimonio violento ispirato al Dio cristiano e a quella “Chiesa Devota” i cui ministri si lasciano liberamente baciare le mani dai boss mafiosi. Dopo i consensi di pubblico e critica ottenuti con “W la mafia” Aldo Rapè, questa volta sulla scena con Nicola Vero, a muso duro e senza sconti per nessuno, racconta un mondo i cui drammi interiori e familiari non sono mai esternati o pubblicizzati con un testo e una messa in scena, curata dal regista Lauro Versari, volutamente pensati per luoghi diversi dai tradizionali spazi teatrali.

Mutu

Date:
Dal 23/03/2013
al 24/03/2013
Giorni e orari spettacolo:
2